Team Colpack - RACER Integratori Alimentari HIGH TECH Made in ITALY

Vai ai contenuti

Menu principale:

Discipline Sportive > Ciclismo
Team Colpack: Edward Ravasi passa professionista con la TJ Sport
Si sapeva da tempo, ma ieri è arrivata l’ufficialità: il talentuoso scalatore del Team Colpack Edward Ravasi ha firmato un contratto biennale con la formazione TJ Sport. Il 22enne varesino dal 2017 vestirà la maglia della prima squadra World Tour cinese.
Vincitore di quattro gare quest’anno, tra le quali una tappa alla Vuelta al Bidasoa in Spagna e al Giro della Valle d’Aosta, e secondo classificato al Tour de l’Avenir 2016.
Ravasi possiede ottime qualità di scalatore e ha mostrato, sia tra i dilettanti che nelle gare da stagista, una buona intraprendenza, tutte qualità che lo rendono un pezzo pregiato del gruppo di giovani talenti che andranno ad arricchire l’organico di TJ Sport scrive la sua nuova squadra nel comunicato ufficiale.
Ravasi ha spiegato: “Ho sposato senza indugi questo progetto perché mi affascina la prospettiva di diventare professionista in una formazione con rinnovate ambizioni. Ho avuto modo di vivere da vicino la realtà del gruppo sportivo gestito da Saronni e sono rimasto colpito dalla grande competenza e professionalità di tutti i membri della squadra. Nelle gare disputate come stagista, ho maturato brevi ma intense esperienze che, aggiunte all’ulteriore anno trascorso tra i dilettanti, hanno contribuito in maniera determinante alla mia crescita ciclistica, avvenuta senza pressioni e con i giusti tempi per presentarmi pronto al passaggio di categoria. Ringrazio il Team Colpack per tutte le emozioni vissute assieme, ora mi concentrerò sulla mia nuova dimensione di corridore per cercare di crescere ulteriormente come ciclista, di apprendere il più possibile dai miei nuovi compagni e da tutto l’ambiente di TJ Sport, così da provare a ripagare subito la fiducia riposta in me”.
Team Colpack - Filippo Ganna medaglia d’argento agli Europei crono in Francia
Ancora una medaglia, ancora un risultato di grande prestigio internazionale per il Team Colpack e per Filippo Ganna. Il corridore piemontese oggi a Plumelec (Francia) si è messo al collo la medaglia d’argento al Campionato Europeo a cronometro per Under 23. Il titolo se l’è aggiudicato il fortissimo tedesco Lennard Kamna che ha inflitto un distacco di 30 secondi all’azzurro. Medaglia di bronzo per il francese Remi Cavagna.
“Il percorso era forse un po’ duro e ha pagato qualcosa, ma resta una medaglia importante e un bel risultato”, ha commentato il team manager Antonio Bevilacqua a riguardo della prestazione di Ganna.
Team Colpack - Federico Sartor secondo a Custoza
Vittoria ancora sfiorata, ma Team Colpack sempre protagonista anche oggi a Custoza (Verona) per il 35° Gp Custoza. In volata secondo posto per Federico Sartor, quarto per Carloalberto Giordani e nella top ten di giornata trova spazio anche Nicolas Dalla Valle che proprio oggi festeggiava il suo 19esimo compleanno.
“Siamo comunque contenti per il risultato e la bella prestazione – precisa Bevilacqua –, abbiamo lavorato bene, abbiamo provato a vincere ed è arrivato un secondo posto. Una serie di piazzamenti per i nostri giovani come Giordani e Dalla Valle che lascia ben sperare anche in chiave futura”.


Team Colpack show:
Toniatti vince a Turbigo. Ravasi, Garosio e Masnada firmano la tripletta a Corsanico
Quella odierna è un’altra di quelle giornate destinate ad entrare dritte nella storia del Team Colpack.
La squadra del presidente Beppe Colleoni, dopo la vittoria di ieri a Carnago con il tricolore Consonni,
oggi ha dominato la scena in entrambe le competizioni a cui ha preso parte vincendo a Turbigo con Andrea Toniatti e a Corsanico con Edward Ravasi.
Ma andiamo con ordine e partiamo dalla prima gioia di giornata arrivata nel primo pomeriggio dal 50° Trofeo Raffaele Marcoli, gara per Elite e Under 23 corsa a Turbigo, nel Milanese. Inizialmente la gara è animata da un gruppo battistrada di 18 unità con dentro Toniatti ed il compagno Muffolini. Diventano poi 23 al comando, quindi evadono in sette. Su questi riesce a rientrare solitario proprio Andrea Toniatti che poi rilancia l’azione e porta via un terzetto che comprende Andreoletti della Zalf-Fior e Cambianica dell’Equipe Exploit. Quest’ultimo, dopo una serie di scatti e controscatti, a due chilometri dall’arrivo riesce ad allungare per provare a sorprendere i due avversari. Toniatti e Andreoletti però trovano l’accordo giusto per andare a riprendere Cambianica proprio all’altezza dell’ultimo chilometro. Quindi la volata a tre che premia il corridore trentino della Colpack al secondo successo della stagione. “Una bella vittoria quella di Toniatti che serviva soprattutto al ragazzo”, è stato il commento del team manager Antonio Bevilacqua.
Qualche ora dopo, dalla Toscana, per l’esattezza da Corsanico (Luca) dove si è corso il 27° Trofeo SC Corsanico, arrivano notizie ancora più esaltanti. Clamorosa tripletta del Team Colpack, con la vittoria di Edward Ravasi, il secondo posto di Andrea Garosio ed il terzo di Fausto Masnada. Completa la festa il settimo posto di Davide Orrico.
Gara letteralmente dominata dalla formazione del presidente Beppe Colleoni che ha monopolizzato l’intero podio. Corsa tiratissima; Colpack sempre presente in tutti i tentativi di fuga e questo ha permesso di restare tranquilli in gruppo agli uomini che poi dovevano entrare in azione nel finale. Gran lavoro in particolare di Garosio già presente nella fuga più importante della giornata. Poi le carte si sono rimescolate e nel momento decisivo sono rimasti prima in cinque a condurre, poi in tre, i tre Colpack appunto. Da dietro però stava rientrando pericolosamente Gazzara e a quel punto, allora, Ravasi ha aperto il gas e se ne è andato tutto solo verso la vittoria, la sua quarta stagionale. Un buon viatico per Ravasi in vista dei prossimi impegni tra i professionisti dove approderà definitiva dal 2017 con il Team Lampre. E proprio con la squadra italiana, insieme ai compagni Fausto Masnada ed Oliviero Troia – che ha già corso in questi giorni in Belgio e Francia – parteciperà in qualità di stagista del Team Lampre-Merida a metà mese alla Coppa Bernocchi e alla Coppa Agostoni.
Il direttore sportivo Gianluca Valoti a conclusione della giornata ha commentato:
“È tutto l’anno che stiamo andando forte e stiamo raccogliendo risultati importanti e questo è grazie soprattutto alle qualità di questo gruppo e dei singoli ragazzi”.
Con le due odierne sale a quota 48 il numero di vittorie stagionali su strada per il Team Colpack
Filippo Ganna campione europeo dell’Inseguimento individuale
MONTICHIARI (BS) – Dopo il titolo mondiale ottenuto a Londra ad inizio marzo, Filippo Ganna del Team Colpack sale anche sul tetto d’Europa. Prestazione stratosferica dell’atleta piemontese che oggi, nella giornata inaugurale dei Campionati Europei su pista al Velodromo di Montichiari, si è laureato campione europeo dell’Inseguimento individuale regalando l’ennesima gioia stagionale alla sua squadra e alla Nazionale italiana.
In mattinata, nella qualificazione, con il tempo di 4’14”746, aveva fatto registrare il nuovo record italiano. Nella finale del pomeriggio, Ganna si è migliorato ancora andandosi a prendere il titolo europeo con il tempo di 4’14” 165, altro nuovo record italiano.
Senza storia il confronto con il portoghese Ivo Oliveira medaglia d’argento con 4’17”448.
È un 2016 straordinario quello del Team Colpack ed in particolare quello di Filippo Ganna che nel palmares stagionale può contare tra le altre le vittorie del Mondiale dell’Inseguimento individuale, della Parigi-Roubaix Espoirs, del Campionato Italiano a cronometro e ora anche dell’Europeo dell’Inseguimento individuale (foto Rodella).
Nonostante in questi giorni si trovi in vacanza, il presidente della Colpack Beppe Colleoni ha atteso con trepidazione l’esito della finale e con gioia ha poi commentato: “Sono molto contento di aver ricevuto quest’altra bella notizia. Sono felice per Ganna è un atleta straordinario. Ormai non ho più parole per descrivere le emozioni che questi ragazzi mi stanno regalando”.
Oggi ha gareggiato anche Simone Bevilacqua. Gli Europei proseguiranno fino a domenica 17 luglio e anche altri ragazzi della formazione diretta da Antonio Bevilacqua e Gianluca Valoti entreranno in scena.
Nel frattempo sono state ufficializzate questa mattina anche le convocazioni della Nazionale italiana mista per il Trofeo Matteotti di domenica prossima a Pescara: vestirà ancora la maglia azzurra Oliviero Troia che ha la ferma intenzione di proseguire la scia di buone prestazioni e risultati dell’ultimo periodo con la speranza di trovare un posto tra i professionisti per la prossima stagione.
Team Colpack. Anche a Botticino è tripletta:
1° Padun, 2° Ravasi e 3° Garosio
BERGAMO (BG) – Il Team Colpack senza freni prosegue la sua marcia di successi. Oggi a Botticino (Brescia) è arrivata un’altra tripletta, la quarta dell’anno, che coincide anche con la ventitreesima vittoria stagionale su strada per la squadra del presidente Beppe Colleoni.
Sulla salita conclusiva dove si è deciso il 60° Gran Premio Industria e Commercio Comune di Botticino, ha primeggiato l’ucraino Mark Padun, davanti ai compagni di squadra Edward Ravasi ed Andrea Garosio, rispettivamente secondo e terzo.
Per Padun si tratta della seconda vittoria della stagione, dopo quella ottenuta il 1° maggio alla Coppa Penna, in Toscana.
Corsa vivace: prima allungano 6 uomini, poi altri tre e sempre il Team Colpack si assume la responsabilità di andare a chiudere e tenere sotto controllo la situazione. Ultima fuga annullata a 10 chilometri dall’arrivo e il gruppo arriva compatto ai piedi della salita finale dove poi entrano in azione i tre tenori della Colpack che firmano un’altra grande impresa.
Soddisfatto il team manager Antonio Bevilacqua: “Un’altra grande prestazione e ancora una volta abbiamo dimostrato di essere una squadra molto unita”.
Domani il Team Colpack sarà impegnato alla Parigi-Roubaix Under 23 in Francia, a Firenze per il 63° Trofeo Matteotti e a Longarone (Belluno) per il 72° Giro del Piave – Memorial Piergiorgio Sbardella.
TEAM Colpack show: domina la Vuelta al Bidasoa con Orsini, Ravasi e Padun sul podio finale. Ganna e Orsini 1° e 2° nella crono di Mongrando
Questo sabato 7 maggio 2016 è un’altra di quelle giornate destinate a restare nella storia del Team Colpack. Si è chiusa in gloria l’esperienza sulle strade spagnole della XLIV Bidasoa Itzulia – Vuelta al Bidasoa, con la formazione bergamasca che ha letteralmente sbaragliato la concorrenza. Vince la classifica finale il toscano Umberto Orsini, accanto a lui sul podio i compagni Edward Ravasi e l’ucraino Mark Padun che oggi è salito sul terzo gradino del podio anche dell’ultima tappa.
Si correva a Irun, tappa di 77,5 chilometri, ma molto insidiosa. Se ne è andata prima una fuga di sette corridori, con dentro il settimo in classifica. La Colpack ha tenuto sotto controllo la situazione poi a una ventina di chilometri dall’arrivo ha deciso di andare a chiudere dimostrandosi, ancora una volta, padrona della corsa. Sull’ultima salita di Erlaitz, Padun e Ravasi hanno dettato il ritmo selezionando un gruppetto di sette atleti che sono poi andati a giocarsi il successo di tappa allo sprint. Dentro c’era, oltre a al varesino e all’ucraino, anche il leader Orsini che ha così difeso la sua maglia gialla. Il trionfo finale della Colpack è il giusto riconoscimento per la squadra italiana che ha dato un grande saggio di bravura, vincendo due tappe, ottenendo numerosi piazzamenti e portandosi a casa la classifica generale e a punti combinata con Orsini, la maglia dei traguardi volanti con Oliviero Troia e ovviamente anche la classifica a squadre.
TEAM COLPACK Ganna e Orsini 1° e 2° nella crono di Mongrando
Consonni vince a San Vendemiano e Minali a Pregnana
Filippo Ganna è campione del Mondo Pista Londra 2016
BERGAMO (BG) – Filippo Ganna è il nuovo campione del mondo dell’Inseguimento individuale. Serata indimenticabile per il Team Colpack e per tutto il ciclismo italiano. Ai Campionati del Mondo su pista in corso di svolgimento al Lee Valley Velo Park di Londra il giovane piemontese di Vignone (Verbania), classe 1996, a soli 19 anni, scrive una pagina importante di storia del pedale azzurro (foto Rodella).
Oggi pomeriggio si era qualificato con il miglior tempo e aveva stabilito il nuovo record italiano con 4’16″127.
Stasera, nella finale per la medaglia d’oro, Ganna ha fatto segnare il tempo di 4’16″141 superando di due secondi il tedesco Dominic Weinstein e regalando la prima maglia iridata della sua storia al Team Colpack.
Per comprendere la grandezza dell’impresa compiuta da Filippo Ganna, basti pensare che l’Italia mancava sul gradino più alto del podio mondiale nell'inseguimento da 40 anni, l’ultimo titolo conquistato era quello di Francesco Moser nel 1976 e nella stessa specialità aveva vinto due volte anche un certo Fausto Coppi nel 1947 e nel 1949. L’ultima medaglia d’oro ad un Mondiale su pista al maschile per l’Italia, invece, era quella nella Corsa a punti di Silvio Martinello nel 1997. Questa mattina Ganna aveva abbattuto il vecchio record italiano di Andrea Collinelli, realizzato in occasione delle Olimpiadi di Atlanta del 1996. Ieri, insieme agli altri due compagni della Colpack Simone Consonni e Francesco Lamon, aveva contribuito alla grande prestazione del quartetto italiano con il quarto posto finale dell’Inseguimento a squadre. Ma l’impresa di oggi è sensazionale anche per la giovane età dell’atleta e premia il lavoro di un intero movimento e di tutto il Team Colpack che ha sempre creduto nella pista e scommesso su questo ragazzotto piemontese di un metro e novanta d’altezza e tanto talento.
BERGAMO (BG) – È un anno ricco di novità quello appena cominciato per il Team Colpack. In accordo con la nuova linea grafica del team è online da oggi la nuova versione del sito internet www.teamcolpack.it, la vetrina online della squadra bergamasca e lo strumento più semplice e veloce per avere tutte le informazioni sul team.
Un lancio che coincide anche con la soddisfazione per la prima vittoria della stagione già arrivata ieri, nella gara di debutto, per merito di Filippo Ganna al GP Laguna di Porec, in Croazia.
Il nuovo sito propone tutte le notizie che riguardano il team; le schede e i contatti social di tutti gli atleti e dello staff tecnico; il riepilogo dei risultati degli atleti del Team Colpack; le fotogallery, la raccolta dei comunicati stampa ed i diari. E ovviamente ampia visibilità è data a tutti gli sponsor della società.
Ma il sito www.teamcolpack.it sarà in continua evoluzione e nelle prossime settimane proporrà due nuove e interessanti sezioni: una interamente dedicata ai Campionati Italiani su strada per Under 23 ed Elite, organizzato proprio dalla società del presidente Beppe Colleoni nel prossimo mese di giugno; l’altra è l’apertura di un e-shop, ovvero un negozio online nel quale il Team Colpack metterà in vendita prodotti della squadra a beneficio dei tanti tifosi e appassionati che seguono i ragazzi da ogni parte d’Italia e non solo.
Buona navigazione!
Friuli: altro podio del Team Colpack con Giulio Ciccone
PIANO D'ARTA (UD) – Anche oggi è il Team Colpack a tenere alti i colori italiani al 52° Giro del Friuli Venezia Giulia, corsa internazionale per Elite e Under 23. Ventiquattro ore dopo quello di Seid Lizde nella frazione di apertura, è arrivato oggi un altro terzo posto con Giulio Ciccone grande protagonista nella seconda tappa di 166,5 chilometri da S. Giorgio della Richinvelda a Piano d'Arta (Udine). Un piazzamento sul podio ancora importante, ma che rispetto a ieri lascia qualche rammarico perché lo scalatore abruzzese aveva provato l’affondo solitario sull’ultima salita prima del traguardo ed è stato ripreso a poco più di 2 chilometri dall’arrivo.
La tappa è stata vinta dall’austriaco Felix Grossschartner (Team Felbermayr Simplon Wels) che ha a sua volta allungato da solo nell’ultimo chilometro precedendo di 4” il belga Gaetan Bille (Veranda's Willems) che è il nuovo leader della classifica generale. Terzo Ciccone che ha indossato la maglia rossa di leader della classifica dei Gpm. Il corridore chietino era andato all’attacco a meno 20 chilometri dalla conclusione, sull'ultima salita di giornata, prima insieme ad Antonio Santoro (MG KVis Vega), poi da solo riuscendo a scollinare davanti al primo gruppetto di sei inseguitori nel quale c’erano oltre a corridori stranieri anche i compagni Fausto Masnada ed Andrea Garosio, pure loro formidabili oggi. Ciccone è stato ripreso nel finale, ma non si è dato per vinto riuscendo comunque a conquistare un ottimo terzo posto. Piazzati anche Andrea Garosio al sesto posto e Fausto Masnada all'ottavo. Risultati che hanno permesso alla Colpack di balzare al comando della classifica a squadre. Questo il commento del team manager Antonio Bevilacqua: “Peccato perché Ciccone aveva provato un bella azione, ma siamo comunque soddisfatti del piazzamento e della performance di tutta la squadra. Anche oggi siamo stati i migliori italiani contro alcune Continental straniere molto forti. Domani proveremo ad inventarci ancora qualcosa”.
Domani terza e ultima tappa da Palmanova a Resia (Udine) di 168,20 km con un ultima salita nel finale che presumibilmente deciderà le sorti del Giro.
Consonni-Minali, la Colpack serve la doppietta a Castelletto Cervo
BERGAMO (BG) – Arriva subito la vittoria numero 25 della stagione su strada per il Team Colpack e coincide con un’altra magnifica performance e una splendida doppietta firmata da Simone Consonni e Riccardo Minali, rispettivamente primo e secondo nella volata che oggi ha deciso la 48/a Targa Comune di Castelletto Cervo, gara per Elite e Under 23 corsa sulle strade del Biellese. A completare la festa è arrivato anche il sesto posto di Francesco Rosa al termine di una condotta di gara davvero encomiabile da parte di tutta la formazione diretta da Antonio Bevilacqua e Gianluca Valoti.
All’inizio se ne va una fuga di 14 corridori e la Colpack inserisce Oliviero Troia, Seid Lizde e Francesco Rosa. Una volta ripresi, evadono altri 11 corridori e in questo caso si inseriscono Davide Martinelli e Filippo Zaccanti. Annullato anche questo tentativo, negli ultimi tre chilometri provano la sortita Oliviero Troia insieme a Raffaello Bonusi della General Store, ma i due sono ripresi a 500 metri dall’arrivo quando il treno della Colpack è già in lotta contro i treni delle altre squadre dei velocisti. Formidabile tutta la squadra e implacabili Consonni e Minali che conquistano di forza le prime due posizioni del podio.
Ad esprimere grande soddisfazione per questo nuovo successo, il terzo consecutivo nel giro di 6 giorni, è il presidente del Team Colpack Beppe Colleoni: “Anche oggi i ragazzi sono stati grandi. Siamo molto contenti delle esperienze all’estero fatte con la Nazionale dai nostri atleti, sia su strada che su pista, perché gli permettono di maturare e avere un’ottima condizione, inoltre oggi abbiamo dimostrato che quando abbiamo tutta la squadra al completo a nostra disposizione corriamo bene e vinciamo. Ora l’obbiettivo di Martinelli, Consonni e Troia è di andare al Mondiale da protagonisti. Noi ci crediamo!”.
La squadra bergamasca domani sarà in gara a Turbigo (MI) per il 49° Trofeo Raffaele Marcoli e poi martedì 8 settembre trasferta toscana per il 38° Giro Nazionale del Valdarno a Figline Valdarno (FI).

Festa Colpack a Sommacampagna: Riccardo Minali fulmina tutti
BERGAMO (BG) – A soli due giorni dalla splendida vittoria in salita di Fausto Masnada alla Pessano-Roncola, il Team Colpack spadroneggia anche in volata grazie al veronese Riccardo Minali. Sulle strade di casa, il velocista di Isola della Scala, figlio dell’ex professionista Nicola, ha vinto lo sprint a ranghi compatti che ha deciso la 63/a Medaglia d’Oro Fiera di Sommacampagna, corsa oggi nella località veronese. Una vittoria di squadra perché perfetto è stato il lavoro di tutto il team del presidente Beppe Colleoni e impeccabile lo spunto in volata di Riccardo che centra la quarta affermazione su strada della stagione (nella foto Rodella, l’arrivo).
Sale a quota 24, invece, il conto delle vittorie stagionali su strada per la formazione diretta da Antonio Bevilacqua e Gianluca Valoti.
La corsa ha visto scappare in primis una fuga di 12 atleti nella quale la Colpack ha inserito il marocchino Ahmed Amine Galdoune e l’altro veronese Attilio Viviani. Da dodici sono poi rimasti in sei ed è stata proprio la formazione bergamasca a farsi carico dell’inseguimento e ad annullare la fuga all’ultimo giro. Poi ancora tutti davanti, treno perfetto e volata altrettanto impeccabile di Riccardo Minali che batte Federico Sartor della Selle Italia Ursus e Jacopo Mosca della Viris Maserati.
Ora qualche giorno per godersi questi ultimi successi e per ricaricare le batterie, poi la squadra tornerà in gara sabato 5 settembre per la 48/a Targa Comune di Castelletto Cervo, nel Biellese, domenica 6 settembre a Turbigo (MI) per il 49° Trofeo Raffaele Marcoli e poi martedì 8 settembre trasferta toscana per il 38° Giro Nazionale del Valdarno a Figline Valdarno (FI).

 
Marchio di accettazione
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu